18 ottobre 2017

Lo sporco destino di Mondragone

typewriter-ambc
typewriter-ambc

Associazione Mondragone Bene Comune: “Lo sporco destino della Città di Mondragone”

“Il sindaco Pacifico e la sua giunta hanno approvato nei giorni scorsi la delibera n. 147 relativa al progetto per i servizi di igiene urbana. Un appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti che, nelle more dell’operatività dell’Ambito (sulla legge regionale e sull’ATO, l’AMBC ritornerà in un’altra occasione), dovrebbe tentare di affrancarci dalle attuali gestioni in proroga. Un appalto di circa 3.200.000 euro all’anno per 5 anni, equivalente ad un costo medio di circa 112 euro all’anno pro capite. La ditta che risulterà vincitrice dovrà accollarsi- per passaggio di cantiere- i 42 dipendenti attualmente in servizio, ai quali dovrà aggiungere altre 4 unità permanenti, più 18 unità a tempo determinato per la stagione estiva. Il costo annuo del personale stimato dal Piano industriale del servizio messo a punto dai competenti uffici comunali è di circa 2.200.000 euro (che sommato agli altri costi di gestione potrebbe addirittura portare ad un costo totale superiore alla base d’asta). Il quadro economico dell’appalto ed i costi presi a riferimento dal Piano industriale, pur utilizzando numerosi indicatori, non sembrano -tuttavia- considerare il calcolo dei fabbisogni standard, che fissa la spesa annua corrente per tale servizio in 172,62 euro pro capite. Una spesa pro capite annuale che porterebbe, quindi, il costo totale del servizio nella nostra città a circa 5.000.000 di euro all’anno, quasi 1.800.000 euro in più di quanto stabilito dagli uffici e posto alla base dell’appalto. Una clamorosa e reiterata sottostima del costo del servizio che- ad avviso dell’AMBC- non farebbe che perpetrare i disservizi e che condannerebbe Mondragone alla perenne sporcizia. D’altra parte anche una sommaria verifica della spesa storica di tale servizio conferma una possibile sottostima della base d’asta. Abbiamo fatto riferimento ai costi standard messi a punto dal Governo centrale, molto più bassi dei costi medi effettivi certificati, per esempio, dall’ISPRA in 217,04 euro pro capite (anno 2016). Costi annui pro capite che porterebbero il costo totale del servizio addirittura ad oltre 6.200.000 euro. Senza considerare che nei comuni turistici come Mondragone il costo medio annuo pro capite arriva a ben 270 euro. Si ha l’impressione che sui rifiuti la nuova <Amministrazione Pacifico> voglia persistere nell’equivoco e voglia continuare a fare <le nozze con i fichi secchi>. E’ tempo di iniziare a dire le cose come stanno: una città finalmente pulita, premessa per qualsiasi ipotesi di sviluppo, ce la dobbiamo pagare. Senza rincorrere populistiche sottostime e costi al minimo, che non fanno altro che <ingannarci> e lasciare la città inevitabilmente nella sporcizia. Non è il caso, sindaco Pacifico, di rivedere questo appalto prima che sia troppo tardi?”

Commenta per primo

Lascia un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com