18 dicembre 2018

E’ più arroganza o è più ignoranza?

typewriter-ambc
typewriter-ambc

Comunicato stampa dell’Associazione Mondragone Bene Comune

E’ diventato arduo capire se gli atti e l’azione del comune sotto il dominio di Pacifico&Co siano più il frutto di arroganza (nel senso di esercizio del potere in modo sprezzante da non considerare nulla e nessuno) o il risultato di ignoranza (nel senso di non avere sufficiente padronanza della materia). E’ l’arroganza o è l’ignoranza che fa registrare errori in atti pubblici, come nel caso degli ultimi decreti di nomina di legali? Decreti sindacali ove si sostiene che l’ANAC non abbia ancora emesso le linee guida e nei quali si scrive: “nelle more delle definitive determinazioni dell’ANAC“, determinazioni già deliberate, invece, dall’ANAC, come l’AMBC ha puntualmente segnalato per tempo. A meno che chi abbia dato vita a questi atti non si sia affrettato a fare le ultime nomine discrezionali prima dell’effettiva entrata in vigore di tali linee guida. E’ arroganza o è ignoranza a determinare l’assurdità che attraversa le delibere di concessione del nulla osta di comando per il comandante dei vigili urbani che va, e di presa d’atto di nulla osta per quello che viene? Il primo va via da Mondragone e sarà a Minturno per 12 mesi, mentre il secondo viene da Roma a Mondragone e resterà da noi per 24 mesi. Perché questa differenza di 12 mesi e come si giustifica tale differenza temporale, anche dal punto di vista dell’impegno di spesa? E ancora: ma come si è arrivati a questo funzionario di Roma Capitale? Attraverso quale procedura? E’ senz’altro ignoranza, invece, quella che ci fa perdere importanti finanziamenti pubblici. Dopo i finanziamenti del Ministero dell’Interno per la sicurezza andati perduti è ora la volta dei fondi del bando di finanziamento dei progetti volti alla prevenzione e al contrasto alla violenza alle donne, anche in attuazione della convenzione di Istanbul, anch’essi persi miseramente. Nella <Contea di Mondragone> c’è tanta ignoranza per colpa della quale si perdono risorse pubbliche e c’è tanta arroganza perché non c’è legge, procedura, segnalazione, denuncia o proposta che tenga di fronte ai desiderata dei nuovi <padroni>. Parafrasando il Marchese Del Grillo: <Loro sono loro e noi non siamo un c …>. Ma noi sappiamo che anche per loro, come è successo per alcuni dei loro <amici> che nel passato hanno fatto esattamente come loro, arriverà il giorno della dolorosa resa dei conti. E forse questa volta arriverà anche prima. Quanto al dilemma tra arroganza ed ignoranza ricordiamoci che <… l’arroganza è il peggior cappello che si possa portare in testa. Fa parte del corredo dell’ignoranza … >. Nella sua interessante riflessione su la Repubblica del 24 novembre scorso (qualora non letta ci permettiamo di consigliarvi di recuperarla, anche contattando il portavoce dell’AMBC: mondragonebenecomune@gmail.com), dal titolo <E’ arrivato il tempo della resistenza civile>, Gustavo Zagrebelsky scrive:<… A forza di subire adeguandosi, si finisce per diventare qualcosa che non si sarebbe voluto e, all’inizio, nemmeno si sarebbe immaginato … >. Sono le stesse parole che l’AMBC si sente di rivolgere ad alcuni amici del Patto Civico, che un anno e mezzo fa condivisero con noi ben altre prospettive per Mondragone, ben altri metodi di governo, ben altri programmi ed obiettivi per il futuro della città. Cosa aspettate, cari amici?”

autore: mondragone bene comune

portavoce: gianni pagliaro

About Mondragone Bene Comune 187 Articoli
Associazione Mondragone Bene Comune Referente Gianni Pagliaro contatti: giannipagliaro@gmail.com

Commenta per primo

Lascia un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com