18 ottobre 2017

Quartiere Sant’Angelo, Schiappa: “Condannato ad un futuro senza servizi”

giovanni-schiappa
giovanni-schiappa

“Con la nuova localizzazione delle farmacie sul territorio di Mondragone, Zannini, Conte, Rizzieri, Piazza e il Sindaco Virgilio Pacifico hanno ucciso il cuore antico della nostra Città.

Come nel caso degli immigrati, si affrontano vicende politico-amministrative senza alcuna cognizione dei fatti.

Il Sindaco Pacifico, gli Assessori ed i Consiglieri comunali di maggioranza, hanno deciso che il quartiere Sant’Angelo non solo non deve avere una farmacia, ma di fatto anche che questa farmacia non deve essere pubblica, ma privata.

Invece di ricorrere legittimamente al Consiglio di Stato contro una sentenza del TAR oltremodo discutibile, l’accoppiata Zannini-Pacifico ha scelto di togliere quanto gli stessi cittadini di Sant’Angelo hanno più volte richiesto, ipotecando seriamente una sconfitta delle ragioni dell’Ente.

Certo, la nuova localizzazione è solo una proposta e, come per Legge, sarà necessario assumere una decisione definitiva. Siamo curiosi di sapere fin d’ora chi vuole impedire al quartiere di Sant’Angelo di avere una farmacia lì ubicata.

Non riusciamo a comprendere perché si è deciso di togliere un elemento di grande rivitalizzazione per il quartiere.

Togliere una farmacia è come togliere un ufficio postale o una scuola, si impoverisce il tessuto urbano di quel quartiere e, in un certo senso, lo si condanna per il futuro ad essere un quartiere senza servizi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com