21 Ottobre 2020

Zampanò Forti e altre Band emergenti in concerto a Mondragone

Evento organizzato dal comitato cittadino Verso il 19 Luglio.

verso il 19 luglioDopo la grande risposta della cittadinanza per il corteo anti camorra promosso la sera del 5 Agosto, lungo le strade cittadine, il comitato cittadino Verso il 19 Luglio, con la collaborazione dell’Associazione VERI, organizza un nuovo evento culturale attraverso la musica e una serie di immagini fotografiche, grazie al supporto dell’Associazione Éternit e del Collettivo Latrones di Antonio Iorio, con la partecipazione di Valentina Leone, in arte Valeò.

Dunque, la sera del 16 Agosto, presso la piazza M. L. Conte, alle ore 22.00, saliranno sul palco band emergenti locali che andranno ad aprire la serata ad importanti artisti  che hanno condiviso e accettato di partecipare all’evento, attesa l’ importanza del motivo e delle premesse che fanno capo al giovane sodalizio culturale.

Sul palco, in ordine, si esibiranno: The Walrus, The Wanka Wanka & Mastu Cicc’, Jena Ridens e il Clou della serata Zampanò Forti che con il suo nuovo album “Il mite. il matto” composto da 24 brani registrati in strada, in 24 location diverse, con l’ ausilio di un solo microfono e rigorosamente dal vivo. Le registrazioni hanno un carattere molto estemporaneo e vanno ad integrare, in una maniera quanto più possibile armoniosa, i rumori di fondo casuali che “abitano” in ogni location esplorata.

Il Movimento Verso il 19 Luglio, si è formato questa estate, grazie all’entusiasmo di numerosi giovani come momento di rottura e di reazione agli ennesimi fatti di camorra accaduti a Mondragone.

Il Comitato si pone l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini alla lotta contro le illegalità tramite espressioni artistiche, creatività e fantasia. All’attivo sono stati promossi vari sit-in, un corteo cittadino e mostre fotografiche; portando avanti, attraverso la cultura e la promozione sociale, la battaglia contro la camorra, fenomeno criminoso e sociologico che in questa “Terra di Mezzo” oltre ad ergersi come istituzione credibile, il più delle volte appiattisce le espressioni culturali ponendosi come caposaldo del patrimonio “intellettuale” condiviso.

Commenta per primo

Lascia un commento