28 Novembre 2020

Ditte Servizi a Mondragone, l’Amministrazione fissa un incontro

Una vera e propria "stretta" da parte dell'Amministrazione Schiappa sui servizi che incidono maggiormente sulla vivibilità a Mondragone

La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da numerosi sopralluoghi eseguiti da parte dell’Amministrazione comunale rispetto a diversi servizi realizzati in Città.

Infatti, come da prassi consolidata, dopo aver opportunamente verificato di persona lo stato del servizio rifiuti, della cura del verde, della manutenzione delle strade e lo stato del servizio di pulizia delle caditoie, dei tombini e delle fognature, il Sindaco Giovanni Schiappa ha ordinato agli Uffici comunali competenti guidati dall’ing. Vincenzo De Lisa – mediante il coordinamento degli Assessori comunali competenti Benedetto Zoccola ed Antonio Pagliaro – la realizzazione ad horas di un intervento straordinario di raccolta, spazzamento manuale e diserbo, di taglio, potatura e rimodellamento delle siepi e degli alberi, di riparazione del manto e riempimento delle buche e di pulizia caditoie, tombini e fognature sull’intero territorio comunale.

Una vera e propria “stretta” da parte dell’Amministrazione Schiappa sui servizi che incidono maggiormente sulla vivibilità a Mondragone, necessaria ed urgente a causa dei continui disservizi dell’ultimo periodo, per riprendere immediatamente l’ordinarietà di un dignitoso e rispettoso servizio da rendere alla Comunità cittadina, soprattutto dopo il perdurare dell’assenza di una programmazione organica di alcuni di questi servizi di cui l’Ente deve essere sempre a conoscenza a priori.

Inoltre, già da domani mattina presto e per poi proseguire nei prossimi giorni della settimana, gli stessi Assessori comunali delegati Zoccola e Pagliaro parteciperanno a riunioni ed incontri con i tecnici comunali programmati con i titolari, i responsabili territoriali ed i coordinatori di cantiere delle ditte affidatarie dei servizi oggetto di attenzione e verifica, per comunicare formalmente – anche de visu  – alla Senesi s.p.a., alla TeknoPaesaggi, alla P.R.G. Costruzioni ed al C.I.T.L. che non risulta più possibile accettare questo stato di cose e per confermare o meno l’inversione di rotta ordinata dal Primo cittadino.

Commenta per primo

Lascia un commento