19 Luglio 2019

Il Vescovo incontra i liceali del Plesso di Via Asti

studenti

Mondragone (Ce). Nell’ambito della visita pastorale che monsignor Antonio Napoletano sta svolgendo nella parrocchia San Giuseppe Artigiano dei Padri Passionisti di Mondragone, questa mattina, 18 maggio 2011, dalle ore 10 alle ore 12.00, il Vescovo di Sessa Aurunca ha incontrato gli studenti liceali del Plesso di Via Asti del Liceo Scientifico Statale “G.Galilei” di Mondragone.

Ad acccogliere il Vescovo c’erano il Dirigente scolastico, professore Giuseppe Di Chiara, il professore padre Antonio Rungi, docente del Liceo, il professore Antonino Uttieri, docente di religione, altri professori tra cui Festini e Zito. Ad accompagnare il Vescovo c’era, inoltre, il parroco di San Giuseppe Artigiano, padre Luigi Donati,passionista, e il direttore del consiglio pastorale diocesano, Giovanni Pucino. Calorosa l’accoglienza del Vescovo nella sala-incontro del Plesso, dove c’erano ad attenderlo circa 70 alunni in rappresentanza delle varie classi che compongono il plesso di Via Asti, la rappresentanza dei docenti e del personale Ata. La cerimonia si è aperta con un canto eseguito dal coro degli studenti. A seguire il saluto del preside, professore Di Chiara, poi quello di padre Luigi e dello studente Sorrentino. A moderare l’intero incontro e a coordinare i vari momenti della visita, è stato padre Antonio Rungi, passionista e docente del liceo, ben noto agli studenti per il suo pluriennale impegno didattico in questo storico istituto liceale di Mondragone. La visita vera è propria è iniziata con la preghiera del Vescovo e a seguire con la sua riflessione sul tema dell’educazione nel contesto sociale attuale e mondiale. Nel suo articolato intervento, mons. Napoletano ha ripercorso le tappe fondamentali del rinnovamento scolastico e pedagogico degli ultimi decenni. Facendo riferimento al pedagogista Rogers ha detto che la scuola deve valorizzare appieno la personalità dell’allievo, si deve porre dalla parte dello studente ed aiutare la sua crescita umana e culturale complessiva. Altri temi sono stati toccati dalla riflessione del Vescovo, durata oltre mezzora.Poi lo spazio ed il tempo necessario al dibattito, durante il quale sono intervenuti vari studenti che hanno posto importanti domande al vescovo sul ruolo del prete nella chiesa, sull’ecologia, sul nucleare, sulla delinquenza comune ed organizzata, sulla pastorale giovanile, sulla fede, sulla vocazione al sacerdozio e alla vita religiosa. A tutte le domande il vescovo ha risposto con rispetto e con la sensibilità del pastore dando piena soddisfazione agli studenti e condividendo in massima parte tutte le loro opinioni. L’incontro, dopo circa due ore svolgimento si è concluso con il canto finale degli studenti, con i ringraziamenti del Preside, del parroco e del moderatore. Il tutto si è svolto nella massima serenità e tranquillità e la soddisfazione generale per tale incontro fraterno si leggeva sul volto degli intervenuti, soprattutto degli studenti che hanno preparato in modo lodevole la visita pastorale del Vescovo nel Plesso di Via Asti, dopo che il vescovo era stato acclolto in modo “sconvolgente” in senso positivo nel Plesso Centrale del Liceo, in Via Galilei, nel mese di Aprile. Quella esperienza di giovanilità e gioisità degli studenti il Vescovo Napoletano l’ha rivissuta questa mattina incontrando gli studenti dell’unico liceo di Mondragone, questa volta quelli che frequentano il plesso di Via Asti. Sicuramente un incontro che lascerà il segno negli studenti come ha sottolienato il moderato, padre Antonio Rungi a conclusione di tutta la visita.

Commenta per primo

Lascia un commento