31 Ottobre 2020

L’Uomo di Neanderthal entra nel Museo Civico di Mondragone

A breve la presentazione anche dell'affresco di Monte Petrino e dell'armatura Brigantina.

La storia archeologica di Mondragone supera i confini della regione ed assume rilievo ed importanza con la scoperta risalente all’Uomo di Neanderthal.

Nel 2009, durante la campagna di scavo preistorica condotta dal prof. Marcello Piperno in località Roccia San Sebastiano, grazie ai finanziamenti del Comune di Mondragone, portò alla luce lo strato di paleosuolo databile al Musteriano ovvero a 45.000 anni fa.

In quella occasione oltre al rinvenimento di numerosi reperti litici, con grande sorpresa per gli stessi ricercatori, il ritrovamento di un molare riferibile all’Uomo di Neanderthal.

Nelle parole del prof. Marcello Piperno Ordinario presso il Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e Antropologiche dell’Antichità dell’Università di Roma “La Sapienza” la fondamentale importanza della scoperta. “Resti umani di tale antichità non sono frequenti – sarebbe meglio sono molto rari – soprattutto se rinvenuti, come nel caso di Mondragone in contesti ben datati e in associazione con abbondanti reperti litici e paleontologici”.

E proprio sulla base delle richieste pervenute dall’illustre docente universitario, uno dei massimi esperti italiani di Preistoria che da decenni opera sul fondamentale sito etiopico di Melka Kunture, l’Amministrazione Comunale, su impulso dell’Assessorato al Museo, ha inteso stanziare le somme necessarie per allestire – entro al massimo un mese – una nuova vetrina espositiva e per la predisposizione di un convegno scientifico di presentazione al pubblico dei reperti che saranno lì esposti.

In tal modo il nome di Mondragone andrà ad aggiungersi ai circa venti siti italiani che possono vantare la presenza di resti umani riferibili all’Uomo di Neanderthal.

L’esposizione giunge a due anni dalla scoperta proprio in relazione alla necessità da parte del team di ricerca di documentare in ambito scientifico, specialmente quello internazionale, tale rinvenimento, che conferma importanti dati conoscitivi per la Preistoria italiana.

“La Città di Mondragone, con la fondamentale scoperta operata dal professore Marcello Piperno, entra nella ristretta lista di siti che possono vantare la presenza di tracce dell’Uomo di Neanderthal” commenta l’Assessore Pasquale Sorvillo.

“In un periodo in cui i tagli alla cultura sono all’ordine del giorno – continua P. Sorvillo – il Comune di Mondragone ha ritenuto necessario e doveroso dare un segnale diverso. La storia archeologica di Mondragone supera i confini della regione ed assume rilievo ed importanza per la conoscenza scientifica della Preistoria e del periodo neanderthaliano sia in ambito italiano che europeo. Sono onorato, come assessore di poter contribuire alla salvaguardia di questo preziosissimo reperto. Come avevo annunciato ad inizio anno il 2011 sarà per il Museo Civico di Mondragone un anno straordinario. Tra aprile e ottobre presenteremo il dente di Neanderthal, l’affresco di Monte Petrino e l’armatura Brigantina, anche quest’ultimo un raro reperto in fase avanzata di restauro”

Commenta per primo

Lascia un commento