23 Aprile 2021

Appia Antica abbandonata in quel di Mondragone

Antonio Taglialatela (PSI): "Siti Archeologici e Beni Culturali abbandonati, l’Amministrazione è assente".

In merito alla mancata manutenzione qualificata e al totale abbandono in cui versa il Parco Archeologico dell’Appia Antica di Mondragone, interviene il segretario cittadino del Psi, Antonio Taglialatela, inoltrando una nuova nota di denuncia al Sindaco, Giovanni Schiappa.scavi appia antica

Evidenziata nella nota, anche l’inadempienza legata al mancato avvio delle attività previste delle guide turistiche e delle attività delle Associazioni a promozione del territorio.

Un Parco Archeologico abbandonato, i nostri siti alla totale deriva, privi di qualsiasi intervento mirato alla tutela e alla salvaguardia, è ora che l’Amministrazione faccia qualcosa di concreto. Le attività di manutenzione rappresentano strumenti operativi prioritari sulle politiche di conservazione, tutela e promozione dei nostri siti archeologici: non possiamo ammettere iniziative dilettantistiche e improvvisate – conclude il segretario cittadino del Psi, Antonio Taglialatela.

Tutto ciò si aggiunge a quanto di demagogico e strumentale è stato sinora predisposto dal Sindaco G. Schiappa, relativamente al scavi appia anticamancato avvio delle iniziative poste in essere dalla delibera dello scorso anno, nello specifico del mese di giugno 2012, legata alla costituzione di una famigerata shortlist finalizzata ad un nuovo modello di partecipazione e di promozione dei nostri Beni Culturali.

Aldilà delle forti perplessità denunciate a suo tempo, continuiamo a provare profonda amarezza nell’assistere all’indifferenza rispetto anche alle recenti denunce portate avanti, con grande coraggio e dignità, da numerosi cittadini e Associazioni del settore. Purtroppo duole nuovamente constatare che dove nel 2009 – si svolse con grande partecipazione, che diede una rinnovata immagine cittadina, la rassegna nazionale teatrale Teatri di Pietra – ci fu la speranza di una rinascita culturale oggi c’è l’aggravarsi di un problema culturale e ambientale che desta seria preoccupazione in tutti i Cittadini.

Pertanto, chiediamo all’Amministrazione di procedere, urgentemente, di concerto con la Sovrintendenza, ad ogni utile iniziativa tesa a promuovere il sito archeologico, prevedendo misure concrete e ordinarie e, al contempo, di avviare, un nuovo procedimento finalizzato a modificare la deliberazione della shortlist. Dobbiamo avere la consapevolezza di promuovere azioni concrete finalizzate alla promozione dei nostri siti culturali, con il coinvolgimento delle professionalità e delle Associazioni presenti nella Città di Mondragone. Eppure alcuni reperti archeologici sono dentro l’attuale Amministrazione Comunale – conclude il segretario cittadino del Psi, Antonio Taglialatela.

Commenta per primo

Lascia un commento