25 Novembre 2020

Mondragone, commissariata la sede del Partito democratico

Decisione necessaria assunta dal segretario provinciale del Pd Dario Abbate dopo le posizioni assunte dai consiglieri comunali Anna Palladino e Antonio Federico.

In una missiva inviata al responsabile nazionale dell’organizzazione N. Stumpo, al segretario regionale del Pd E. Amendola e alla segreteria provinciale del Partito democratico, il segretario provinciale dei democratici D. Abbate spiega le motivazioni che lo hanno indotto a commissariare la sezione cittadina del Pd nel Comune di Mondragone.

“Vista la difficile situazione politica venutasi a creare nel Comune di Mondragone – spiega Abbate – ove i consiglieri comunali Palladino Anna e Federico Antonio, iscritti al Partito Democratico, hanno concorso, unitamente ai consiglieri comunali della destra,  alla caduta del sindaco dr. Achille Cennami, determinando lo scioglimento del Consiglio Comunale e dell’amministrazione di centro sinistra guidata da quest’ultimo.»

«Considerato che lo scioglimento del Consiglio Comunale apre una difficile, incerta e complessa fase elettorale e che la stessa – continua D. Abbate – allo stato, non appare gestibile posta la mancata costituzione di un Circolo cittadino e l’inesistenza di organismi dirigenti.

Rilevato che anche a Mondragone occorre, indispensabilmente, ritrovare la via della ragionevolezza politica ed avviare una stagione di rispetto delle regole e di coerenza politica, il Segretario provinciale ha deliberato di affidare a sé medesimo la responsabilità politica ed organizzativa del costituendo Circolo di Mondragone fino alla celebrazione delle prossime elezioni amministrative o, soluzione auspicabile, fino alla celebrazione di un congresso che riporti condizioni di normalità nel locate partito. Nell’esercizio di tale funzione, il segretario provinciale si avvarrà  della collaborazione dei componenti della segreteria provinciale.

Commenta per primo

Lascia un commento