22 Ottobre 2020

FLI Mondragone, i Consiglieri di minoranza chiedono attenzione

Mondragone, i Consiglieri di minoranza chiedono maggior attenzione al Sindaco Schiappa.

Futuro e Libertà di Mondragone, tramite i suoi componenti Carlo Federico e Gianfrancesco Di Lorenzo, coordinati da Danilo Napolitano, ha indetto,nella serata di Lunedì 17-09-12, una riunione dei Consiglieri di minoranza al fine di trovare una linea politica di opposizione condivisa da tutti.

Nell’occasione si era paventata anche l’idea di richiedere la convocazione in seduta straordinaria del Consiglio Comunale, come prevede l’art.37 dello Statuto Comunale.

Idea  accantonata per la sopravvenuta notizia della convocazione della Conferenza dei Capigruppo, in vista del prossimo Consiglio, che dovrà, giocoforza, essere convocato entro il 30/09 in vista della scadenza della presentazione del bilancio consuntivo.

Erano presenti alla riunione Achille Cennami, Mario Fusco, Emilio Martucci, A. Pagliaro e Francesco Supino.

Tra i temi più dibattuti della serata, e molto sentito da parte di tutti i consiglieri, è stata la mancata nomina, da parte del Presidente del Consiglio Comunale, delle Commissioni Consiliari, cosa che, a memoria d’uomo, non è mai successo nella storia di Mondragone a quasi quattro mesi dall’insediamento della nuova Giunta Comunale. Commissioni che hanno un ruolo fondamentale per tutto l’iter procedurale di ogni singolo atto amministrativo, e che quindi sono dei chiari simboli  di democrazia.

Pertanto, i Consiglieri di minoranza, invitano il Sindaco Schiappa ad un maggior confronto con l’opposizione consiliare, cosa questa da egli stesso annunciata e proclamata in sede di insediamento ma che a tutt’oggi non si è mai verificata.
Tuttavia, questa riunione, dà un segnale forte alla Giunta Schiappa, e a tutto il popolo mondragonese, un segnale di compattezza e di voglia di confrontarsi per costruire democraticamente il futuro di Mondragone.

Carlo Federico Futuro e Libertà Mondragone

email ricevuta da: carlo.federico@me.com

Commenta per primo

Lascia un commento