20 Ottobre 2020

Mondragone, le dichiarazioni dei candidati della lista “La scelta”

In linea col PdL nazionale, nasce la lista La Scelta a Mondragone.

In occasione delle Amministrative 2012, il Presidente Silvio Berlusconi ed il Segretario Politico Angelino Alfano avevano dato un’indicazione precisa e lungimirante agli uomini del Popolo della Libertà, ovvero quella di far sostenere i candidati Sindaci da apposite liste civiche, composte sempre da aderenti, associati, amici e simpatizzanti del PdL.

Anche a Mondragone, in occasione della candidatura di Giovanni Schiappa a Sindaco della Città, è nata la lista civica dal nome evocativo quale La scelta.

Al suo interno si sono candidati dirigenti  giovanili di partito, ex amministratori comunali del PdL e simpatizzanti del candidato Sindaco del PdL Giovanni Schiappa.

«Dopo l’eccezionale vittoria al primo turno – commentano i neo consiglieri comunali Valerio Bertolino, Michele Conte ed Antonio Pagliaro – viene meno quella funzione politico-elettorale di sostegno alla candidatura dell’amico Giovanni Schiappa, come precedentemente auspicato che avvenisse in tutta l’Italia dal nostro partito. Oggi, passato il momento elettorale, abbiamo il dovere di dar vita ad un Consiglio comunale nel quale vivranno, sia in maggioranza che in minoranza, gruppi politici di chiara ispirazione e derivazione dal panorama nazionale. Si tratta di un fatto importante che ci permetterà di evitare che l’equivoco delle liste civiche contribuisca, in modo determinante, a creare – per il futuro – momenti di confusione e rottura. La Città ci ha consegnato una missione di grande respiro, dove è importante che siano delineati i compiti e le responsabilità di ognuno, nell’ambito dei partiti politici di riferimento.»

Siamo contenti di essere – concludono Bertolino, Conte e Pagliaro – accanto ad un giovane Sindaco espressione del PdL, nonché siamo felici di essere in un partito che, valorizzando chi da sempre l’ha rappresentato con serietà, affidabilità e competenza , ha posto le basi di una vittoria al primo turno.»

Nel nuovo Consiglio comunale il PdL, quindi, è rappresentato da ben 7 componenti su 16, ovvero rappresenta il partito di maggioranza relativa senza contare il Sindaco che è espressione del Popolo della Libertà.

Commenta per primo

Lascia un commento