4 Dicembre 2020

Oliviero a Mondragone, da Fusco e Taglialatela proposte concrete per il rilancio del territorio domitio

Proposte e non promesse, attraverso progettualità operative provenienti dalle risorse europee, questo è quanto emerso all’indomani dell’inaugurazione del Comitato Elettorale a sostegno della candidatura di Gennaro Oliviero, consigliere regionale uscente, nella Città di Mondragone.

Al Consigliere del Partito Democratico, Gennaro Oliviero – affermano Mario Fusco e Antonio Taglialatela – abbiamo chiesto quattro progetti concreti per la nostra sofferente Comunità: un progetto di recupero urbanistico-sociale ed ambientale sostenibile prevedendo la costituzione di una precisa Società di Trasformazione e rigenerazione urbana per l’acquisto e la demolizione dei Palazzi Cirio, sanando così uno sfregio non più tollerabile per la nostra Città, un nuovo Piano di Edilizia Residenziale Sociale; infrastrutturazione e urbanizzazione, mediante i finanziamenti europei, del tratto della Domiziana Nord “Fiumarella-Le Vagnole”, prevedendo percorsi ciclo-pedonali e pubblica illuminazione. Riprendere il percorso amministrativo e regolamentare dell’Ospedale di Comunità: un’innovativa modalità assistenziale di tipo intermedio la quale risponde alla necessità di affrontare nel modo più appropriato ed efficace quei problemi di salute e pronto soccorso, fornendo, oltremodo, risposte assistenziali ai bisogni delle fasce deboli della popolazione, in prevalenza anziani, che presentano riacutizzazioni di patologie croniche che non necessitano di terapie intensive o di diagnostica ad elevato impegno tecnologico ma che non possono risolvere i loro problemi a domicilio. La programmazione e l’inserimento di Mondragone all’interno della programmazione turistica per la realizzazione di un grande attrattore turistico-culturale. Il dibattito, è proseguito in merito al nuovo impianto di Depuratore, “le chiacchiere del centrodestra mondragonese e regionale rischiano di far perdere le risorse programmate per il grande progetto “Bandiera Blu”. Abbiamo chiesto ad Oliviero la predisposizione di una precisa interrogazione, più che Bandiera Blu, siamo dinanzi a una “Bandiera Bluff”, si corre il serio rischio di non poter più spendere finanziamenti ministeriali ed europei. A che è punto è la notte ? – concludono con un interrogativo Fusco e Taglialatela.

Commenta per primo

Lascia un commento