25 Ottobre 2020

Piano Ospedaliero, Oliviero: “Pronti a coordinare una proposta operativa per la Sanità di Terra di Lavoro”

Piano Ospedaliero, Gennaro Oliviero (PSE-SEL): “Pronti a coordinare una proposta operativa per la Sanità di Terra di Lavoro”.

Secondo il Consigliere Oliviero, dall’analisi del Piano Ospedaliero si possono trarre importanti spunti per avviare una proposta di coordinamento.

Tutto pronto nel comune di Teano per la Tavola rotonda sulla Sanità campana. Incontro organizzato dal Consigliere Regionale Gennaro Oliviero, per discutere e coordinare proposte operative sul nuovo piano ospedaliero redatto dal sub commissario Giuseppe Zuccatelli. Venerdì 4 giugno, alle ore 17.30, presso la Sala dell’Annunziata, hanno dato la loro disponibilità a partecipare e ad intervenire tutti i Sindaci dell’Alto Casertano.

“I tagli contenuti nel Piano di riassetto della rete ospedaliera – afferma Oliviero – non tengono conto in nessun modo delle esigenze di salute dei cittadini della provincia di Caserta. In particolar modo, si fa insostenibile la condizione di coloro che risiedono nei piccoli comuni dell’Alto Casertano”. In generale, la Provincia di Caserta continua ad essere la Cenerentola della Regione Campania, nuovamente sottostimata sui posti letto e sulla qualità dei servizi sanitari. Siamo chiamati ad un senso di responsabilità per ripianare gli ennesimi errori del napolicentrismo“.

“Le scelte effettuate sono scellerate – continua il Consigliere – fatte con poca lucidità rispetto al reale fabbisogno di salute dei nostri concittadini, siamo nettamente al di sotto degli indici previsti dal Patto per la Salute 2010-2012. Nonostante la drammaticità in cui versa il comparto sanitario occorrono scelte di sacrificio e di coraggio prevedendo un’assunzione di responsabilità collettiva”.

“Insieme ai sindaci costruiremo una serie di proposte da portare all’attenzione del Presidente Caldoro – conclude Oliviero – ogni decisione che si dovrà compiere sarà il frutto di un lavoro di concertazione e di una cooperazione tra tutti gli attori istituzionali, con assoluto senso di responsabilità. Possiamo prevedere importanti modifiche cercando di non far prevalere i soliti egoismi locali, senza sciocche polemiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento