1 Dicembre 2020

Piazza: La Commissione “fantasma”

Un fantasma si aggira per la città: la Commissione Locale per il Paesaggio (ex Commissione Beni Ambientali). Sembrava che la stessa fosse decaduta e per questo motivo non si riuniva più da molti mesi, ma adesso – come per incanto e dopo che la spinosa questione è stata sollevata dal sottoscritto – sembra sia risuscitata e pronta a ritornare in sella in regime di prorogatio.

Premesso che l’allegato alla Legge Regionale 23 febbraio 1982 n°10 recita che: ”La Commissione va rinnovata ogni tre anni”, senza fare assolutamente riferimento ad alchimistiche proroghe, è spontaneo però – a questo punto – porsi delle domande sull’operato dell’Amministrazione comunale.

Se la commissione è da intendersi in regime di proroga perché allora la si è tenuta in “naftalina” per mesi e mesi creando notevoli disagi alla cittadinanza?

E se invece la medesima commissione era ritenuta decaduta dai ribaltonisti Cennami/Schiappa, quali sono oggi gli elementi che determinano in loro la nuova convinzione che essa possa riprendere le proprie funzioni?

Delle due l’una: o si è stati ignari precedentemente in materia, bloccandone i lavori  quando la stessa poteva procedere normalmente o si sta commettendo un errore oggi riesumandola ma senza la legittimità normativa.

Ancora una volta, quindi,si dimostra che chi ha usurpato il voto popolare è inadeguato a governare la nostra città.

Si interessano ai problemi della comunità solo ed esclusivamente quando sono messi alle strette e, il più delle volte, i rimedi che adottano sono peggiori delle storture che loro stessi hanno prodotto.

E allora, poiché la maggioranza non è in grado di affrontare nemmeno la nomina di una commissione che serve all’utilità cittadina perché ingessata nelle sue logiche spartitorie, l’opposizione si farà carico delle responsabilità derivanti dal proprio ruolo.

Nei prossimi giorni sarà trasmesso al Presidente della Commissione permanente in materia urbanistica una bozza di Regolamento per il funzionamento della Commissione Locale del Paesaggio.

Il regolamento prevede, tra l’altro, anche le modalità di reperimento – con pubblico bando – degli esperti che andranno a formare la commissione, il tutto nel massimo rispetto della trasparenza e liceità che solo a chiacchiere la maggioranza geneticamente modificata dice di richiamarsi.

Si invita, pertanto, il duo Cennami/Schiappa a dare prova di maturità, almeno per una volta, impegnandosi ad approvare in Consiglio comunale –  in un tempo massimo di 15 giorni – il regolamento proposto il quale, ovviamente e nel più ampio spirito costruttivo, è aperto a tutte le migliorie.

Commenta per primo

Lascia un commento