21 Ottobre 2020

San Pio Mondragone, il punto sulla 27^ Giornata

Il Procida abbatte il Vitulazio e approfittando della pesante sconfitta del San Pio Mondragone ad Alvignano, vola a +7, ipotecando la promozione in Eccellenza. A tre giornate dal termine della regular season non ci sono ancora verdetti definitivi sia in testa che in coda, ma già si va delineando quella che con ogni probabilità sarà la classifica finale, almeno in quelle posizioni in graduatoria che decretano promozioni e retrocessioni dirette.

In testa il Procida la fa da padrone, battendo con un sonoro 6-0 il Vitulazio grazie alla tripletta di Liccardi, alla doppietta del solito Bottone, ed alla rete di Autiero e si porta a +7 sul S. Pio Mondragone che cade sotto i colpi di un redivivo Real Volturno, che rimonta lo svantaggio iniziale firmato da Mastroianni e poi dilaga fissando il punteggio finale sul 5-1.

In chiave play-off vittoria fondamentale del Real Suessola che si sbarazza per 2-0 del Lacco Ameno.

Dopo la vittoria con polemiche sul Forio (presunta combine) il Lacco A. scende in quintultima posizione, mantenendo un discreto vantaggio sulla penultima, che permetterebbe agli isolani di non disputare i playout. La squadra del presidente Guida invece tiene il passo del Real Volturno ed è ancora in piena corsa per i playoff.

Vittorie per Forio e Unione Atellana, che mantengono la quinta posizione ma sono ormai tagliate fuori dalla lotta per la post season. L’Intercasertana ottiene 3 punti fondamentali per la tranquillità, contro un altrettanto tranquillo Capua. In coda successo importante per il Barano per 4-1 sullo Zupo. Gli ischitani ora sono a +9 sulla Boys Caivanese che ormai è sempre più con un piede e mezzo in Prima Categoria. Così come Acerrana e Kalatia Maddaloni, quest’ultimi vittoriosi nello scontro diretto contro il Toro, un successo che non servirà ai ragazzi di mister De Lucia. Infatti, considerato il consistente margine nei confronti della quintultima il Kalatia è quasi spacciato. Si avviano quindi a retrocedere tre piazze gloriose come Acerra, Maddaloni e Caivano.

Autore: Vincenzo Tanzillo

Commenta per primo

Lascia un commento