3 Dicembre 2020

Strade a Mondragone, Cittadinanza Attiva: “Non è tutto oro ciò che luccica!”

via_cementare

Il popolo festeggia per il rifacimento del manto stradale, l’Amministrazione esulta per l’obiettivo raggiunto (ben il 45% delle strade sono state o saranno riqualificate, dicono), ma non tutto è oro ciò che luccica. Non può sfuggire all’occhio del cittadino attento, il mancato rifacimento della segnaletica orizzontale, prevista dall’art. 40 del Codice della Strada («I segnali orizzontali, tracciati sulla strada, servono per regolare la circolazione, per guidare gli utenti e per fornire prescrizioni od utili indicazioni per particolari comportamenti da seguire»).

Si potrebbe pensare ad un banale ritardo nella messa in opera dei lavori pubblici, invece la situazione è più complicata. Di fatti, è possibile notare che nelle strade appena riqualificate ed asfaltate è stata rifatta solo la segnaletica orizzontale riguardante la sosta a pagamento, “strisce blu”, mentre la segnaletica orizzontale vera e propria, “strisce bianche”, è completamente inesistente. Le motivazioni di questa situazione anomala vanno ricercate in un’ordinanza (N°56 del 16/04/2014) emanata dal Capo Ripartizione del Corpo di Polizia Locale, nonché Comandante della Polizia Locale il dott. Edoardo Vignale, per ottemperare ad una regolare richiesta da parte della Cooperativa “Rosa dei Venti ONLUS” che rivendica giustamente il rifacimento della segnaletica orizzontale che regolamenta il servizio di sosta a pagamento sul territorio Comunale per poter svolgere al meglio il proprio lavoro. Una semplice distrazione, si spera, da parte di chi dovrebbe avere a cuore prima di tutto la sicurezza stradale dei cittadini e solo successivamente il business che si cela dietro i parcheggi a pagamento, che a dirla tutta non sono pienamente in regola sul piano applicativo delle norme inerenti al Codice della Strada.

L’Associazione Cittadinanza Attiva Mondragone si augura che di queste distrazioni ce ne siano sempre meno e che, chi di dovere, sia più scrupoloso soprattutto perché se da un lato il cittadino ha il dovere di rispettare le regole imposte, dall’altro deve esser messo nelle condizioni di poter svolgere i suoi doveri in modo regolare e trasparente.

Commenta per primo

Lascia un commento