31 Ottobre 2020

Taglialatela (PSI): “Rimpasto Giunta, tradito anche il ribaltone. Dimettetevi tutti”

All’indomani del varo del nuovo esecutivo del ribaltone targato dal duo Schiappa-Cennami, il Coordinatore dei Socialisti ha inteso rilasciare le seguenti dichiarazioni, chiedendo al Sindaco di rendere pubbliche le deleghe, i meriti e le competenze dei nuovi membri della Giunta Comunale. Zoccola, Smirne e Pagliaro, l’entrata di Miraglia in Consiglio Comunale a questo punto mancano ancora le poltrone per l’Uomo Tigre e per l’Uomo Ragno, afferma ironicamente il coordinatore dei socialisti Antonio Taglialatela.

Aldilà dei nominativi designati e dei ruoli da ricoprire, Schiappa renda pubbliche le deleghe assegnate ai nuovi membri dell’esecutivo, i cittadini vogliono e devono conoscere anche e soprattutto i meriti e le competenze di questi illustri compaesani che avranno l’onore e l’onere di ricoprire tali cariche pubbliche.

Invece…Schiappa assegna prima le poltrone e poi decide sull’azione di governo a favore della città.

Oggi prendiamo atto che lo stesso ribaltone è stato tradito, non eravamo dinanzi ad un “governo di scopo” bensì alla misera sopravvivenza di un ceto politico che per una manciata di poltrone sta distruggendo definitivamente la città, tradendo, ancora una volta, anche quei cittadini che avevano “benedetto” e riposto fiducia a  tale operazione politica illegittima.

Dunque, dal tradimento della volontà popolare, al tradimento del ribaltone stesso: siamo certi e ci auguriamo che i cittadini, un domani, sapranno aprire finalmente gli occhi non attribuendo alcun consenso a questo modo di fare politica, illegittimo e fallimentare, fatto dai soliti noti personaggi che occupano partiti e vivono posizioni di rendita.

Dove è il patto per il Bene Comune ?

Stiamo ancora aspettando che questa ibrida maggioranza approvi la modifica del programma politico amministrativo, una compagine ancora omissiva e inadempiente anche su sancito dal Dlgs 267/2000 dove il sindaco, sentita la giunta, deve presentare le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato.

Dimettetevi per il bene di Mondragone, i cittadini inizino a pensare con la testa e non più con la pancia.

Commenta per primo

Lascia un commento