3 Giugno 2020

Taglialatela interviene su selezione Vigili Urbani stagionali a Mondragone

Selezione per i soliti titoli, servizio ridotto al 50%, una spesa del tutto improduttiva, nuova informativa alla Corte dei Conti.

Il Partito Socialista, attraverso il suo segretario Antonio Taglialatela, interviene duramente in merito alla prossima proroga che prevede l’assunzione dei 18 agenti di polizia municipale stagionali part time, annunciando la predisposizione di una nuova informativa alla Sezione Controlli della Procura Regionale della Corte dei Conti.   

Siamo costretti ad andare dinanzi alla Corte dei Conti, si configura una nuova proroga della graduatoria; frutto della discutibile impostazione politica e amministrativa della delibera n. 22 del 25.6.12, che, ricordiamo, riconobbe un ingiusto “privilegio di precarietà” a quei vigili stagionali in possesso dei “soliti titoli di esperienza” nella Polizia Municipale.

Tale atto improduttivo cade in un momento di evidenti difficoltà economiche e finanziarie in cui l’Amministrazione Comunale pressa cittadini e commercianti, applicando le aliquote comunali più alte d’Italia, con servizi essenziali ovviamente non resi, con una spaventosa anticipazione di cassa, che si prevede possa determinare nei prossimi mesi una situazione di dissesto finanziario tale da non consentire nemmeno il regolare pagamento degli stipendi dei dipendenti pubblici a tempo indeterminato.

Contenti loro, scontenti tutti.  I beneficiari della possibile proroga oggi si vedono ridotte anche le ore lavorative del 50% rispetto ai due anni precedenti.

Uno stravolgimento totale del servizio ove gli altri cittadini ancora una volta, come sempre, non sono messi in condizione di concorrere con procedure legate ad un necessario concorso pubblico.

Noi crediamo che oggi più che mai la politica cittadina debba operare scelte a lungo termine, atteso che le risorse economiche ogni anno si riducono sempre più e che al contempo sono sempre più numerosi ed indifferibili alcuni interventi di urgenza necessari per la salvaguardia dei bisogni fondamentali della cittadinanza. Per citarne uno su tutti: l’esigenza di provvedere alla manutenzione straordinaria della rete fognaria cittadina.

Pertanto, lungi dal volere stigmatizzare singole posizioni personali, pienamente comprensibili, riteniamo, in coerenza con le battaglie da noi condotte da anni per il riconoscimento dei Diritti di tutti i nostri concittadini, di dover evidenziare la acclarata necessità che ogni impiego nella P.A. venga assegnato all’esito di concorsi pubblici per titoli ed esami, affinché non venga privilegiato chi abbia già avuto in precedenza incarichi di servizio.

Proprio perché siamo solidali con chi è lavoratore precario non possiamo non rimarcare che tale condizione di precariato è generata da un sistema viziato e fondato su evidenti favoritismi, e coerentemente non possiamo non biasimare una amministrazione che crei èlite, anche solo transitorie, che rispondono a finalità pubblicitarie e non Politiche o di Organizzazione razionale delle risorse destinate al bene comune.    

Ed appare oltremodo inopportuno che queste vicende siano oggetto di strumentalizzazione da parte di una certa politica, che cerca di tutelare presunti “non-diritti” o diritti parziali, sottacendo alla città che i 18 vigili stagionali di quest’anno sono diventati, in realtà, nei fatti, 9.

Nove “in sostanza amministrativa” poiché i 18 avranno un contratto part-time con ore di servizio ridotte alla metà, oltre a non avere le regolari divise.

Siamo ai titoli di coda di un film già visto e prorogato.

Noi vogliamo cambiare questa città, ci assumiamo la responsabilità di avere una posizione chiara e perentoria, questi sono i presupposti di diritto e di giustizia che muovono le idee nostre e dei cittadini stanchi dei soliti giochi clientelari di potere.   

Non vogliamo nascondere l’amarezza, all’indomani delle nostre dichiarazioni, di alcune reazioni, legittime, ma che rappresentano motivazioni assolutamente non pertinenti rispetto all’intera vicenda.

Le nostre dichiarazioni vivono coerenti con quelle rilasciate negli ultimi anni e con precisi ideali di giustizia sociale e di diritto al lavoro per tutti.

Commenta per primo

Lascia un commento