24 Novembre 2020

Taglilatela (PSI): “Dramma Trasporto pubblico, una politica inefficiente e sdemanializzata”

Una dura presa di posizione del segretario cittadino dei socialisti, Antonio Taglialatela, in merito al dramma che continuano a subire i lavoratori dell’Azienda di Trasporto Atc  i quali non percepiscono regolare stipendio da oltre tre mesi e, di conseguenza, la stessa azienda, per il mancato trasferimento delle risorse da parte della Regione Campania, ha iniziato a depotenziare ulteriormente il servizio destinato ai cittadini, studenti e lavoratori pendolari di Mondragone.

“Trasporto pubblico al collasso, lavoratori da tre mesi senza stipendio, mentre la politica cittadina si sdemanializza pensando solo ai matrimoni sulla spiaggia e una Giunta ribaltata e illegittima impegnata sulle poltrone e sui favori da dover “regalare” agli amici e ai parenti di Schiappa e Cennami: che brutta fine abbiamo fatto, povera città di Mondragone – afferma il segretario cittadino del Partito Socialista Italiano, Antonio TAGLIALATELA –

Noi, invece, interessandoci dell’intera questione, da sempre, avevamo avuto, in questi giorni, garanzie dalla Regione Campania che la situazione si potesse sbloccare in queste ultime ore, ma invece tutto è ancora fermo presso il Dipartimento Regionale dei Trasporti.

Manca all’appello l’approvazione di una Delibera di Giunta Regionale di variazione di bilancio gestionale che va a compensare le risorse finanziarie da destinare all’intero settore trasporto della Provincia di Caserta.

Il Sindaco è stato votato per essere anche Consigliere Provinciale, si faccia carico di promuovere un tavolo istituzionale con la Regione Campania, prevedendo anche un coinvolgimento politico dell’Assessore Regionale Daniela Nugnes e tutti i Sindaci interessati al servizio di Tpl, con la presenza di S.E. il Prefetto, l’On.le Zinzi e le Organizzazioni Sindacali, al fine di poter garantire i diritti dei lavoratori e assicurare alla nostra comunità un adeguato servizio di trasporto pubblico.

I Lavoratori e i cittadini vivono in queste settimane tra incudine e martello, al centro, vige una politica cittadina che tra indifferenza e omissioni vede consumare, nel silenzio, il dramma dei lavoratori i quali, pur continuando a svolgere le normali prestazioni di lavoro, vivono il forte disagio economico con conseguenti ripercussioni negative a cui sono soggette le loro famiglie.

Occorre fare chiarezza, il mancato trasferimento delle risorse economiche destinate al TPL di Caserta determina, oltremodo, anche un abbassamento del servizio rispetto ai mezzi di dotazione dell’Azienda, le navette che collegano quotidianamente la Città di Mondragone al limitrofo Scalo Ferroviario sono sempre più fatiscenti, i cittadini pendolari, i lavoratori e gli studenti sempre più abbandonati.

Siamo solidali con i cittadini e soprattutto con i lavoratori costretti a svolgere le loro prestazioni di lavoro senza retribuzione perché a loro volta oggetto di possibili minacce dall’azienda per interruzione di servizio pubblico.

Solidarietà non a parole, ma azioni e fatti concreti di chi ha scelto di governare

Commenta per primo

Lascia un commento